COME ORGANIZZARE IL TRASLOCO DI UN BILOCALE

 

 

Trasloco in vista? Monolocale, bilocale, trilocale, cambiare casa ed andare in un’altra città o addirittura in un altro paese sono dei grandi cambiamenti. Bisogna essere organizzati, avere tempo a disposizione.

Cambiare casa può essere fonte di stress, ansia e nervosismo, ma non deve essere per forza così! Hai trovato la casa dei tuoi sogni e ora devi solo trasferirti, vediamo insieme qualche piccolo accorgimento per rendere il trasloco una passeggiata.

 

Come prepararsi al trasloco di un bilocale

Traslocare in un bilocale può essere complicato se non fatto nel modo giusto.

Chiedi i preventivi alle imprese di trasloco, non fermarti al primo, trova l’offerta giusta per te!

Il costo di un trasloco è uno dei principali fattori per cui ci si avvale dei fai da te.

È importante pianificare in anticipo il da farsi, metti per iscritto 3 step indicando nello specifico le attività da svolgere all’inizio, durante e dopo la fine del trasloco.

 

Nella fase iniziale, chiudi il prima possibile tutte le pratiche burocratiche come saldare tutte le bollette e dare la disdetta della casa, devi rispettare i termini contrattuali (solitamente 3 mesi).

 

Selezionare gli oggetti

Tutte queste operazioni ti aiuteranno ad arrivare preparato al giorno effettivo del trasloco.

Ora, preparare un inventario in cui indichi tutte le cose che possiedi, così sarà più facile fare il decluttering, ovvero, scegliere cosa tenere e cosa buttare.

 

Oggi esistono tantissime app come, Home Inventary, che facilitano la fase di organizzazione degli oggetti da portare nella nuova casa.

Durante il trasloco un’altra app utile è What’s in my box, permette di stampare etichette con codice a barre da apporre sugli scatoloni. Abbinato all’app Moving Day potrai sapere cosa c’è dentro ogni scatolone, tutto direttamente dal tuo Smartphone. Facile, no?

 

 

Come imballare i tuoi oggetti

Per vivere al meglio l’esperienza del trasloco, se si decide di fare da soli, è fondamentale saper imballare i mobili e gli oggetti fragili nel modo giusto.

 

Ti serviranno: scatoloni di cartone, nastro da pacchi, carta di giornale, carta pluriball, cartoni ondulati a triplo strato. Tutto facilmente reperibile nei negozi di bricolage o fai da te.

 

A questo punto, parti riempiendo ed avvolgendo tutti gli oggetti fragili e piccoli come i bicchieri di vetro e piatti di porcellana con la carta di giornale.

Adagia questi oggetti in altri contenitori più resistenti in modo da proteggerli da eventuali urti nella fase di spostamento. Il tutto, andrà sistemato nei cartoni a triplo strato.

Lo stesso procedimento può essere eseguito per imballare i gli oggetti deteriorabili e i piccoli elettrodomestici.

 

Per evitare che gli oggetti all’interno degli scatoloni si muovano è importante che non ci siano spazi vuoti. In caso contrario, è necessario riempirli con di carta di giornale.

Ricordati di etichettare ogni scatolone, scrivendo in maniera ben visibile la parola “FRAGILE”.

Dopo di che, chiudi gli scatoloni con il nastro da pacchi.

 

Per imballare gli oggetti più grandi come i quadri, il desktop del computer, quadri o lampadari è necessario un po’ più di accortezza.

Se è possibile, smontali in piccole parti e ponili in scatole facilmente maneggevoli, ricordandoti di mettere le parti pesanti sotto e le parti leggere sopra.

 

 

Chi contattare

I traslochi possono essere un incubo soprattutto per la mole di lavoro.

Se puoi, chiedi aiuto ad un amico che ha una macchina spaziosa in grado contenere le tue cose. Questa soluzione ti permetterà di risparmiare molti soldi.

Se, purtroppo, nessuno può aiutarti puoi rivolgerti ad un’impresa di trasloco che si occuperà di smontare, imballare, trasportare e rimontare i mobili nella tua nuova casa.